Aggiunte: dove sta il limite?

Possiamo definire aggiunta qualsiasi ingrediente utilizzato nella produzione di birra che non sia tra quelli ricompresi nell’editto della purezza, cioè qualsiasi cosa sia diversa da acqua, malto e luppolo (il lievito sappiamo essere componente fondamentale, ma in questa occasione non lo consideriamo).

Le aggiunte nella tradizione della birra

E le birre bianche, che hanno arancia e coriandolo?
E lo zucchero? Non è anche lui un’aggiunta, un ingrediente estraneo?
Prima del luppolo si utilizzavano diverse erbe officinali per rendere amara e speziata una birra.
Perciò la risposta è retorica: oltre ai tre ingredienti principali, da sempre, cioè da quando esiste la birra, si utilizzano nel processo brassicolo spezie ed erbe di qualsiasi tipo.
Dunque, per dirla tutta, potremmo (e facciamolo!) giustamente affermare che neppure queste siano aggiunte nel vero senso della parola.

Le aggiunte alla birra ai giorni nostri

Birra pasticceria

Nella birra ormai si trova di tutto!

In questi tempi, bui o luminosi a seconda di come la si veda, in cui tutto è ammesso, abbiamo assistito, entusiasti od impotenti, al proliferare di birre con dentro qualsiasi tipo di cosa (non mi piace usare “cosa” al posto della parola specifica per il contesto, però in questo caso serve per sottolineare che dentro a ‘ste birre c’è davvero la qualsiasi): bacon, frutta, sciroppi vari, hamburger e patatine, caffè digerito da zibetti, marshmallows e chi più ne ha, più ne metta.

Ma le aggiunte sono un bene o sono un male?

La birra con le ostriche esiste da un secolo, le birre alla zucca (e in primis la nostra Pimpi) costituiscono uno stile americano tra i primi che si è consolidato nel Nuovo Mondo. La morale di questi pensieri sparsi è che ognuno ha i propri gusti, e quindi viva la libertà, il limite dovrebbe essere, però, che la birra si beva, e sia piacevole. Tante volte queste birre-intruglio sono esperimenti, provocazioni, e per questo devono essere intese e bevute. Però, se si pensa che è stato organizzato un festival delle birre da pasticceria (pastry town), capiamo bene che siamo nell’era dell’all-in birrario.

Per saperne di più:
www.fermentobirra.com/pastry-stout-negli-usa-tutti-pazzi-per-le-scure-da-dessert/

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *