birra Pietro Carloni Kolsch

Venetians. Pietro Carloni: una birra kolsch alla ricerca del segno primitivo.

Venetians

Dopo il nostro incontro con i graffiti di Peeta, continua il nostro tributo alla creatività dei veneziani, inseguendo quello spirito artistico/artigianale che sentiamo così simile al nostro.

Venezia è sinonimo di arte, ma è bello scoprire che, anche senza visitare il Palazzo Ducale o la basilica dei Frari, si può entrare in contatto con l’arte e con artisti molto più vicini a noi nel tempo. Un’arte fatta di pazienza, di sperimentazione e di pignola cura dei dettagli, ma soprattutto di ricerca.

Pietro Carloni

Birra Pietro Carloni Kolsch

Pietro Carloni, barese di nascita, veneziano per amore, ha ricercato la massima forma di espressione artistica per oltre quarant’anni. Il suo percorso è iniziato con l’arte povera e si è evoluto spaziando tra pittura e scultura, portando armonia negli oggetti e nei materiali della vita quotidiana.

Pietro ha sempre cercato di creare un’arte il più possibile sincera, vicina alle sue emozioni e alla sua visione del mondo. Elementi semplici, materiali poveri, gesto veloce ed istintivo. E da ultimo ha strappato la tele dei suoi quadri dalla loro cornice e ci ha fatto borse ed abiti (www.karmas.it), per rendere a tutti evidente che per lui la sua arte è viva e quotidiana.

La nostra birra in stile Kolsch dedicata a Pietro Carloni

Abbiamo voluto far nostri i valori che hanno animato il lavoro di Pietro Carloni, ed abbiamo creato una birra impiegando materie prime semplici ed essenziali, seguendo l’archetipo di uno stile radicato nella storia e nella tradizione. Una kolsch dunque, birra di Colonia ad alta fermentazione, chiara ed equilibrata nelle sue componenti gustative.

Abbiamo utilizzato una varietà di malto antica (il Barke pils), che è stata quasi abbandonata perché è una pianta di orzo poco produttiva, e un luppolo che più tradizionale non si può, lo spalter select.

La vera sfida è trasformare elementi semplici in qualcosa di unico ed emozionante, come per Pietro così è stato per noi. E la chiave di questa birra è il lievito, ad alta fermentazione ma fatto lavorare con calma, a temperature da bassa, come lo stile kolsch richiede, e fatta maturare a lungo.

Abbiamo realizzato una birra chiara, pulita, complessa nei suoi elementi ma elementare nel suo complesso. Come le opere di Pietro.

Nel 2016 Pietro ci ha lasciato. Ricordarlo con questa birra ci emoziona e ci onora.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *